il Kung-Fu Tradizionale Cinese 功夫

/il Kung-Fu Tradizionale Cinese 功夫
il Kung-Fu Tradizionale Cinese 功夫2017-01-16T00:31:22+00:00
stili
tradizione
mito
leggenda

“…l’equilibrio è il fulcro dell’universo…”

La traduzione letterale del vocabolo “Kung-Fu” (GōngFū) 功夫, si riassume nel semplice concetto di una sorta di “abilità acquisita con sacrificio”. Detto ciò, da quando l’arte marziale cinese è approdata in occidente, esistono dibattiti e diatribe sulla giustezza o meno di usare il vocabolo “Kung-Fu” per definire l’arte marziale cinese, la cui vera traduzione è composta dagli ideogrammi che formano la parola “WuShu”. Non è questa certo la sede per discutere in merito a questa diatriba, e rimandiamo il lettore, agli approfondimenti del caso.

Posso comunque spiegare, perché in tutti questi anni, non ho mai voluto etichettarmi con il vocabolo Wǔshù (武术), “Arte Marziale”. Tengo comunque a precisare, che definire il “Kung-Fu” solamente col semplice concetto di “arte marziale”, è quantomeno riduttivo, poiché esso è una filosofia di vita, che può essere applicata a innumerevoli campi e non solo a quello dell’arte marziale in senso stretto. Tutto ciò che richiede un passaggio a un livello di conoscenza superiore, richiede una buona dose d’impegno e concentrazione! Per ottenere validi risultati, che porteranno a una migliore condizione di vita, è dunque necessaria sacrificarsi! Una migliore tecnica da combattimento, o una maggiore maestria, non si otterranno solo con un allenamento fisico o marziale come inteso oggi, ma anche e soprattutto con una certa “quantità” di Arte che si otterrà, grazie “all’abilità acquisita con il sacrificio”.

Fine ultimo del praticante è la ricerca dell’equilibrio e dell’armonia in correlazione con ciò che lo circonda. Lo studio si snoda attraverso l’apprendimento di forme tradizionali a mani nude e con le armi. Particolare attenzione è rivolta alla difesa personale e a tutti i suoi molteplici aspetti e correlazioni, che implicano: arte, filosofia, equilibrata crescita marziale e spirituale e che rappresentano i capisaldi del Kung-Fu tradizionale cinese. L’arte marziale cinese, è ancora oggi, un vasto mondo inesplorato che in occidente è stato scalfito solo in superficie! Nonostante innumerevoli sacrifici personali, dovuti soprattutto all’incomprensione moderna della cultura antica, ad opera di molti praticanti, mi sforzo di continuare a tenere viva, l’arte marziale, secondo i canoni della tradizione più pura.

“Nella pratica si ottengono risultati nella medesima maniera in cui ci s’impegna!”

 Non esistono sconti o scorciatoie; la maestria nel Kung-Fu si raggiunge con la pratica, costante, umile, paziente! Si parte da ciò che è più semplice, iniziando con l’educare il proprio corpo, sviluppando le abilità fisiche e poi si procede, con il tempo, lentamente, verso il proprio interno. La pratica corretta del Kung-Fu aiuta, nel difficile cammino verso quella ricerca dell’equilibrio che non è facile da trovare, soprattutto in tempi dove tutto procede in fretta e senza sosta. Non è facile padroneggiare le situazioni che la vita ci pone davanti, ma grazie all’allenamento, si acquisisce maggiore sicurezza in se stessi. Questa sorta di “determinazione raggiunta”, ci permette di essere più incisivi, nell’affrontare i problemi di ogni giorno, nel risolvere le varie situazioni di vita.

Molti pensano che la pratica del Kung-Fu possa essere rivolta esclusivamente all’aspetto tecnico, alla difesa personale, al combattimento…! Nulla di più sbagliato. Alla luce di un’analisi superficiale, le arti marziali possono sembrare solo un sistema per sbarazzarsi velocemente dell’avversario. Purtroppo, questo è solo quello che una certa informazione, ci ha propinato per anni e che è sfociata, nelle moderne metodologie che impropriamente, sono confuse con le arti marziali tradizionali e che invece, sono solamente degli sport da combattimento. Un superficiale e parziale studio, ha generato una quantità di insegnati tecnici, dei “coach”, che con la vera tradizione non hanno nulla a che vedere… persone senza profondità!

L’attenzione deve essere rivolta alla propria crescita; non si cresce se la nostra attenzione è sempre posta sull’eventuale avversario di turno e sulla sua sconfitta. In più, le arti marziali tradizionali, o meglio il loro aspetto legato alla tutela della persona, quello dell’autodifesa; era mostrato solamente in caso di estrema necessità, e francamente, un trofeo di latta e di legno o una somma in denaro non mi sembrano un caso si “estrema necessità”!

Il Kung-Fu può essere studiato a vari livelli; sta all’allievo comprendere quanto può dedicare di se stesso all’apprendimento, più o meno approfondito di quest’arte. Nello studio tradizionale, non esiste l’assillo di competere contro qualcuno, poiché l’obiettivo fondamentale, non è la pratica di uno sport da combattimento, non si deve conseguire la violenza. Il Kung-Fu andrebbe realmente rivalutato e compreso nella sua reale dimensione! Occorre avere un Maestro che con la sua reale esperienza di studio, possa trasmettere la conoscenza ad allievi desiderosi di apprendere senza inutili tensioni, affinché l’arte marziale tradizionale, possa essere tramandata wu_oldnel futuro senza fronzoli ed errate interpretazioni.

Il Kung-Fu, senza “” (武), la marzialità, è come un guscio vuoto! Marziale, è una disciplina, un modo di essere è di vivere con consapevolezza la propria dimensione di praticante di Kung-Fu. Essere MARZIALE, è un dono che si acquisisce nel tempo, con la pratica costante e corretta… francamente mi guardo attorno e di “marziale”, vedo ben poco! Marziale è una filosofia di vita, che sposa perfettamente con il Kung-Fu. Sembrare marziali è un conto, “essere marziali” è ben altra cosa! Per fortuna la Marzialità e il Kung-Fu, sono ancora due cose che non si possono imparare da “YouTube”…

La ricerca del proprio equilibrio è una strada difficile e impervia! Lo sarà ancora di più se non ci muoveremo nella giusta direzione, se saremo distratti dalle gare, dal combattimento, da internet o da quei modernismi e reinterpretazioni, che invece di evolvere l’arte marziale tradizionale come secoli fa, la uccidono, lentamente giorno dopo giorno.

Come amo spesso ricordare ai miei allievi, riassumendolo in una semplice frase: “Noi non facciamo tornei o combattimenti sportivi… noi facciamo Kung-Fu! Noi siamo Marziali.”, e il Kung-Fu non può essere sicuramente paragonato a uno sport. Un errore questo in cui molti cadono, soprattutto quando cercano di paragonarlo “per l’ennesima volta”, ai vari sport da combattimento, tanto in voga oggi.

Importante INIZIATIVA!

Nell'EVOLUZIONE, la TRADIZIONE

KuDeYi MARTIAL CLUB - 武館 Wu Guan

per saperne di più, FAI CLICK QUI!

OSSERVARE non è solamente “GUARDARE”!

 “Osservare” è un’Arte… o meglio: “il saper osservare” è la vera Arte! Ho sempre guardato ai “giovani”, ma ho appreso dagli “anziani”! Potrei riassumere in questa frase, il mio concetto di corretto apprendimento. In [...]

sul Maestro…

 Pratico Kung-Fu Tradizionale Cinese da una vita, conservando inalterato nel tempo lo stesso entusiasmo degli inizi e alimentando la mia passione con una continua e inesauribile sete di conoscenza che mai mi ha [...]

sul senso del SE…

 Quando qualcuno cerca di valutare la mia persona, parlando o scrivendo di me, in virtù di quanto ascoltato da altri o letto nel web, senza avermi mai realmente conosciuto, commette un primo, fondamentale [...]

il sasso nella scarpa…

 La mia passione sopra le righe, i luoghi comuni che spesso, si addensano come nubi, nel mondo delle arti marziali da un po’ di tempo a questa parte. Un semplice modo per fare il [...]

sul Quadro della situazione…

 神話 il Mito... Il Mito aiuta a credere, migliorare, fornisce stimoli per crescere, ci permette di essere concentrati e raggiungere i nostri obiettivi, anche quelli più difficili. Se ci legheremo al Kung-Fu solo per [...]

sulla Tradizione…

 Tanto tempo fa in Cina, le arti marziali erano esclusivamente praticate dal sesso maschile, e uno degli scopi del loro esercizio, quando non c’erano guerre in corso, era rappresentato dalla necessità di difendere [...]

sullo Stile…

 Uno o più stili? “Qual è lo stile più efficace; il sistema migliore?… E’ meglio praticarne uno solo piuttosto che diversi?” Domande che tutti si pongono e che nella rete trovano ampio dibattito, [...]

stili
tradizione
mito
leggenda
Content Protected