Il Maestro che “danzava” il Kung-Fu

/, News/Il Maestro che “danzava” il Kung-Fu

Quest’anno, vista la difficoltà della sequenza e i pressanti impegni di lavoro di vari praticanti che hanno comunque aderito con la loro partecipazione, il “Master’s Seminar”, ha assunto una diversa connotazione che ha modificato il suo abituale svolgimento. Difatti, pur conservando apparentemente un’unica data ufficiale (quest’anno il 12-13 dicembre appena trascorsi), nella classica “due giorni” come da tradizione, si terranno ulteriori repliche, nel corso del mese di gennaio, per agevolare coloro che essendo stati impossibilitati per seri motivi, desiderano comunque cimentarsi nel suo studio.

IMG_0279Ciò gioca a favore di uno dei fondamentali concetti molti cari al nostro Maestro che ormai ci continua a ripetere da tempo e cioè: “La qualità e non la quantità”. In poche parole, selezionati gruppi di studio che possano apprendere meglio quanto insegnato!

Dopo questa premessa, il Seminario di quest’anno è stato totalmente diverso dal solito. Tanto per cominciare, si è svolto in una sede differente dalla solita di Orciano (PU) ed è avvenuto in forma strettamente privata.

Siamo quindi approdati in una nuova struttura, che si è rivelata una scelta pienamente azzeccata; per confort, capienza, pulizia, servizi e che sicuramente prenderemo in seria considerazione nel futuro per i nostri appuntamenti.

Quest’anno inoltre, l’evento ha assunto la sua definitiva connotazione, divenendo a tutti gli effetti, per volere del Maestro un evento “a porta chiusa”, nel senso più puro del termine e bisogna dire che anche questa scelta si è rivelata vincente! Difatti, in questo modo gli allievi hanno potuto utilizzare completamente le otto ore riservate allo studio, facendole interamente fruttare e riuscendo quindi a dedicare molto più tempo al perfezionamento personale di quanto si sia mai potuto fare in passato.

Senza alcuna distrazione esterna, ci si è potuti concentrare maggiormente, riuscendo a raggiungere un elevato livello di approfondimento della sequenza in questione. Presenti solo alcuni genitori e familiari, intervenuti al termine e specificamente invitati dal Maestro Guidotti.

IMG_0299Il MiaoDao è un’arma complessa, pesante, ingombrante, data la sua notevole lunghezza e quindi difficile da padroneggiare con abilità. Soprattutto chi insegna il suo utilizzo, deve essere veramente “ferrato” nella materia, altrimenti si correrebbe il rischio di insegnare insignificanti movimenti vuoti e senza senso…

Altra grande novità di questa edizione, è stato il fatto che nel corso dell’intero seminario, il Maestro Guidotti si è più volte “esibito” davanti ai partecipanti, ripetendo l’intera sequenza fino alla fine e in “assolo”. L’intento, che ha pienamente centrato l’obiettivo, era quello di far comprendere meglio lo spirito e il ritmo con il quale essa doveva essere realmente eseguita.

In quei momenti, forse i più intensi dello stage, durante i quali si è potuto toccare con mano la flessibilità, la precisione, la potenza e soprattutto la passione del Maestro che si esibiva per i presenti, è accaduto che molti di noi sono stati “presi emotivamente” dai suoi movimenti. La commozione ha preso il sopravvento ed è stato in quel preciso istante che abbiamo visto ShiGong Luigi Guidotti, “danzare il Kung-Fu”.

La parola “danzare” è stata volutamente utilizzata in questa sede! Per non essere fraintesi, come spesso purtroppo accade, ad opera di chi intende “ricamare sulle parole”; specifichiamo che la corretta interpretazione del vocabolo “danzare“, non è per indentificare il Maestro e il suo Kung-Fu come una sorta di inconsistente “balletto coreografico” o qualcosa di blando movimento effimero.

Per il Maestro Guidotti, il Kung-Fu non è solamente tecnica o applicazione pratica… ma una sorta di abilità che si acquisisce nel tempo e che permette a una materia, quella Marziale di raggiungere il livello di Arte con la “A” maiuscola e se vogliamo, coltivandone un po’ anche il senso “poetico”, cosa che non guasterebbe oggi, in un mondo troppo saturo di un materialismo che è stato elevato all’ennesima potenza.

Forse è proprio per questo che troppe persone non si avvicinano alle arti marziali! Magari perché le confondono con lo sport, con la competitività, con le gare.

I pugni e i calci sono sempre abbinati alla violenza troppo spesso gratuita, poiché sono in molti che praticano le arti marziali in questo modo e qui ci permettiamo di citare la famosissima saga cinematografica di George Lucas, Star Wars – Guerre Stellari“coltivando solo il lato oscuro della Forza”.

Il Maestro Guidotti è uno di quei rari Maestri che racchiude in sé l’armonia e l’efficacia, oltre a innegabili doti di insegnamento nella trasmissione del suo Kung-Fu. Nonostante i suoi innumerevoli anni di pratica chi lo conosce realmente, sa benissimo di che pasta sia fatto!

Anche se siamo stati abituati nel corso degli anni ad assistere alle sue emozionanti performance, in quei momenti, per la prima volta, molti di noi hanno potuto comprendere il senso di quanto egli porta avanti da una vita e per la prima volta abbiamo visto un Maestro che danzava il Kung-Fu, nel senso più profondo del termine e dell’Arte, quella tradizionale.

Abbiamo più di ogni altra cosa compreso il perché lo seguiamo da tempo con vivo entusiasmo, senza rimpianti e una sempre maggiore convinzione. Con una piccola punta di sano “egoismo personale”, abbiamo anche avuto il “velato e sottile piacere”, di non dover condividere la conoscenza del nostro Maestro con tante persone, poiché questi momenti sono irripetibili e riguardano intimamente solo coloro che li cercano, prendendo parte attiva a manifestazioni del genere, dove si cresce realmente e si è proiettati molto in avanti sulla strada che si chiama crescita personale.

Lo spirito che si respira in queste circostanze è quanto di più semplice, pulito e vero si possa trovare oggi in un mondo spesso edificato su ambigue personalità, che infestano il campo delle arti marziali e che magari parlano di “tradizione” ai loro allievi, ma senza averne un’effettiva conoscenza. Il reale rapporto con un vero ShiFu è il cardine della tradizione nelle arti marziali e senza questa relazione, anche il Kung-Fu diviene un qualcosa di non ben identificato, un amalgama di poco valore.

Noi siamo fieri del nostro Maestro! Egli costruisce il suo rapporto, praticando costantemente insieme a noi, ascoltandoci e donando la sua Arte, con passione e amicizia. L’uso del MiaoDao e i suoi concatenati movimenti, ha permesso a tutti di tirare fuori la parte migliore. Siamo certi che questo è solo il promettente inizio e allo stesso tempo siamo consapevoli che oggi, nessuno pratica più in questo modo, coltivando la propria passione con un Maestro tradizionale e che nel corso tempo, si rivela essere anche il tuo migliore amico, grazie alla sua grande disponibilità.

kudeyi_miaodaoPraticando con lui, ci rendiamo sempre più conto che occorre molta pazienza e tanta umiltà! Qualità che oggi spesso mancano a molti praticanti materialisti e ai quali, non sarà mai dato (purtroppo o per fortuna) riconoscere un vero Maestro, quando lo incontreranno.

Ed ecco… che tutto si riduce solamente a una questione di pugni, calci e movimenti senza senso. Un insieme di gesti rubati… insegnando i quali, senza possedere le giuste qualità per essere realmente assimilati, divengono quella palude melmosa e putrescente, in cui versano le Arti Marziali e la loro Tradizione allo stato attuale.

Noi invece abbiamo avuto la fortuna di osservare semplicemente uno spettacolo unico, dove un UOMO, un MAESTRO, “Danzava nella sua Arte”…

torna alla pagina NEWS

ULTIMI POST

La Prima Volta in Puglia del Maestro GUIDOTTI

“La vita è bella perché è varia”. Il bello della nostra esistenza è proprio questo; essa è mutevole e il cambiamento è sempre dietro l’angolo, imprevedibile, inaspettato e improvviso. A volte accadono cose [...]

Il “vanto” dell’aver conosciuto…

Chiunque può redigere il proprio curriculum falsandone i contenuti, dato che oggi è una pratica comune ed è utilizzata molto più di quanto si creda. Francamente non ci interessa la veridicità o meno [...]

“Arti Marziali” e Bullismo…

L’avvento del degrado non è sicuramente un’opzione, inevitabilmente arriva nel tempo, lentamente, inesorabilmente. L’essere umano per sua natura è volubile, superficiale e spesso portato a seguire le mode. Il non arrivare fino in [...]

Allenamenti Estivi? NO GRAZIE, meglio…

Lezioni estive? NO, GRAZIE! Meglio un prestigioso Seminario che duri tutta un’estate.             Da un’indiscrezione dell’ultim’ora, trapela quanto segue: quest'anno le lezioni estive, assumeranno una diversa connotazione, stravolgendo totalmente le abitudini dei praticanti [...]

Masters Seminar 2016: il nostro resoconto!

Il “Masters Seminar 2016”, come accennato nella NEWS che lo ha preceduto, è stata un’esperienza unica e prestigiosa. La lezione, si è tenuta nello scorso weekend (sabato 17 e domenica 18 dicembre) e [...]

By |2016-10-23T08:31:37+00:00Dicembre 16th, 2015|
Content Protected