BaGua Dao: La Sciabola degli Otto Trigrammi

//BaGua Dao: La Sciabola degli Otto Trigrammi

La Tradizione non è un optional che si può ignorare e anche se sono in molti oggi ad aver liquidato dal loro insegnamento, il senso più profondo di questa parola, seguendo la scia di una moda che rappresenta una distorsione tutta occidentale di fare, la nostra realtà si pone come baluardo affinché questo non accada.

Attualmente, “essere tradizionali” è difficile, soprattutto per coloro che avendo impostato il proprio insegnamento solo sul combattimento o la tecnica, non hanno i mezzi necessari per trasmettere ai propri allievi questo importante elemento senza il quale non si può parlare di “vero Kung-Fu“. Risulterà quindi più comodo non trasmettere alcunché a riguardo, etichettando la Tradizione come un qualcosa senza senso e appartenente al passato; un qualcosa di nessuna utilità da non considerare.

Ci sono cose che non possono essere comprese senza un adeguato approfondimento e la Tradizione, così come Filosofia, Storia e Moralità, sono componenti essenziali senza le quali una persona non può definirsi “praticante di Kung-Fu“. Se si ama e se si apprezza l’arte tradizionale e i suoi principi morali, sarebbe bene tenersi a debita distanza da certi personaggi e il loro “modernismo”, che non è una evoluzione, bensì un impoverimento.

Senza la Tradizione e solo grazie a quei Maestri del passato che si sono prodigati nel tramandare quanto conosciamo oggi, non sarebbe esistito nulla di tutto ciò ed è proprio con questo spirito che il nostro Maestro, continua a essere un sincero “custode della memoria” per le future generazioni.

Il Masters Seminar del 2017 ci riserva una bellissima sorpresa. Sapevamo che il Maestro GUIDOTTI aveva in cantiere qualcosa di speciale e dalle prime notizie che trapelano, il tema di quest’anno tratterà una sequenza di sciabola che si ispira ai famosi otto trigrammi, fulcro della filosofia taoista e come tale, ne conserva l’essenza nei suoi movimenti.

Quest’anno il nostro ShiGong ha superato ogni nostra aspettativa, proponendoci nel tradizionale seminario di dicembre una sequenza di livello avanzato il cui nome è tutto un programma: “BaGua Dao”.

Il Maestro, che non ha rivelato il nome dello stile in cui la sequenza viene insegnata, si è riservato di spiegare ampiamente i particolari durante il corso dello Stage, contribuendo così ad alimentare la sorpresa. Allo stesso tempo siamo a conoscenza che il livello della sequenza è “superiore” e questo significa che sarà un ottimo banco di prova per sperimentare i propri limiti personali e cercare di superarli. La sequenza è composta da ±108 movimenti che si snodano in ogni direzione ed è richiesto un uso totale del proprio corpo in armonia con la sciabola. Movimenti veloci e decisi si alternano a continua fluidità, tanto che essa, insieme ad altre, andrà a comporre il programma ufficiale di studio della GuDeYi JingWuMen.

ShiGong GUIDOTTI, sempre attento alle esigenze della sua Scuola e degli allievi che sono sotto la sua responsabilità, ha innescato un processo evolutivo non indifferente, iniziato in sordina da un po’ di tempo e che contribuirà a proiettare la nostra realtà nel futuro. Sappiamo che già dal prossimo anno ci sarà una vera rivoluzione sotto molti punti di vista, naturalmente tutto sarà sempre e solo ispirato a una vera Tradizione, dato che senza la corretta trasmissione delle “cose antiche” e la loro reale applicazione, il Kung-Fu non può esistere.

Purtroppo, soprattutto in questo ultimo lasso di tempo, la parola “Kung-Fu” è utilizzata male e a sproposito, spesso per etichettare un qualcosa che invece può essere definito solo tecnica, combattimento o più semplicemente, “minestrone“: tutte definizioni che con il “Duro Lavoro“, hanno poco a che vedere, dato che toccano appena il concetto reale di “Kung-Fu“, sfiorandone solo marginalmente la superficie. Da sempre, il nostro Maestro affonda la sua conoscenza nel senso più profondo del movimento, studiandone ogni sua parte e poi trasmette a noi il suo insegnamento. Cosa potrebbe desiderare di più un allievo?

Siamo certi che il Seminario di dicembre regalerà ai fortunati che parteciperanno grandi emozioni, soprattutto una maggiore conoscenza di sé stessi, attraverso dei movimenti che per quanto difficili e complicati possano essere, verranno esposti con estrema semplicità grazie alla “chiave di lettura” che solo un Maestro Tradizionale può dare attraverso il suo insegnamento e la sua reale esperienza.

Prima della fine dell’anno il nostro resoconto su questo importante evento.

torna alla pagina NEWS

ULTIMI POST

Il “vanto” dell’aver conosciuto…

Chiunque può redigere il proprio curriculum falsandone i contenuti, dato che oggi è una pratica comune ed è utilizzata molto più di quanto si creda. Francamente non ci interessa la veridicità o meno [...]

“Arti Marziali” e Bullismo…

L’avvento del degrado non è sicuramente un’opzione, inevitabilmente arriva nel tempo, lentamente, inesorabilmente. L’essere umano per sua natura è volubile, superficiale e spesso portato a seguire le mode. Il non arrivare fino in [...]

Allenamenti Estivi? NO GRAZIE, meglio…

Lezioni estive? NO, GRAZIE! Meglio un prestigioso Seminario che duri tutta un’estate.             Da un’indiscrezione dell’ultim’ora, trapela quanto segue: quest'anno le lezioni estive, assumeranno una diversa connotazione, stravolgendo totalmente le abitudini dei praticanti [...]

Masters Seminar 2016: il nostro resoconto!

Il “Masters Seminar 2016”, come accennato nella NEWS che lo ha preceduto, è stata un’esperienza unica e prestigiosa. La lezione, si è tenuta nello scorso weekend (sabato 17 e domenica 18 dicembre) e [...]

Il MAESTRO mi disse…

“Quell'andare a piedi verso la Cina, mi caricò di quella trepidazione con cui si va all'appuntamento con chi si ama e non si è visto da tempo... L'Impero era vecchio, gigantesco e si definiva [...]

By | 2017-12-15T10:51:43+00:00 novembre 27th, 2017|
Content Protected